Post

Visualizzazione dei post da 2018

Alla ricerca di sé: "Diario di una ninfomane" di Valérie Tasso

Immagine
"Ho capito che la gente ha bisogno di dare un nome alle cose, di semplificarle con le parole, pensando così, a torto, di poterle capire. Io, invece, ho preso l'abitudine di comunicare sempre meno con le parole, sempre più col mio corpo. Se volete darmi un nome, non mi interessa. Sappiate però che in realtà io sono una ninfa. Semplicemente una ninfa."

Eccola lì Valérie, è tutto scritto nel suo diario, nella sua opera prima, opera con cui calca le scene letterarie. Si racconta, racconta la sua ascesa nelle mille elucubrazioni del suo corpo, non della sua mente. Val si laurea in direzione d'imprese e lingue straniere, lavora in un'agenzia pubblicitaria ma sa esprimersi meglio col suo corpo che con le sue parole. Quest'opera può essere suddivisa in tre fasi: la prima in cui lei dona il proprio corpo senza alcun risentimento, per il piacere di donarsi, si affaccia alla vita con una tale curiosità e ha fame di vita, di contatti; nella seconda, incontra per caso quello che…

Io sono qui di Michelle Grillo

Immagine
Pensai che alla fine non siamo altro che cicatrici.
Parto da questa piccola frase, ce ne sono tante che vanno dritte al cuore, per scrivervi dell'esordio di Michelle Grillo "Io sono qui", edito da Alessandro Polidoro Editore grande casa editrice napoletana, dico grande perché oltre ai classici si possono trovare novità molto interessanti con copertine essenziali ma stupende.

"Dopo quattordici anni di silenzio una telefonata annuncia a Céline la morte della madre. La notizia è quasi indolore, ma la ragazza decide lo stesso di volare a Parigi per confrontarsi con quella donna che abbandonandola aveva interrotto la sua felice infanzia. Il viaggio, però, si rivelerà anche l’occasione per scoprire l’origine del dolore della madre e dei motivi che l’hanno spinta a compiere quel gesto che ha segnato la vita di entrambe. Sullo sfondo di una magnifica Parigi ferita dal terrorismo, Michelle Grillo ricompone tramite piccoli tasselli il dramma intimo della sua protagonista…

Da Tennessee Williams a Scott Fitzgerald

Immagine
Tra sentimentalismo e contraddizioneSono pochi gli autori che abbiano saputo riportare su carta le grandi tribolazioni del carattere umano.  Tra questi pochi sono presenti il drammaturgo Tennessee Williams e il romanziere Scott Fitzgerald, tutti e due statunitensi. E' stato grazie ad un gruppo di lettura che ho scoperto e riscoperto nel caso di Fitgerald, questi due scrittori. Nonostante lo stile e la scrittura non molto semplice sono riuscita ad apprezzare sia l'uno che l'altro e a dare una seconda chance a "Il grande Gatsby". "Un tram che si chiama desiderio" trama: Dopo che la casa di famiglia, Belle Reve, è stata pignorata dai creditori,Blanche DuBoislasciaLaurele si trasferisce dalla sorella Stella, che vive aNew Orleanscon il marito, Stanley Kowalsky. Blanche dice di essersi presa un permesso dal lavoro di insegnante di inglese per le sue frequenti crisi di nervi e, appena arrivata, comincia a lamentarsi della sciatteria della casa di Stella, un picc…

Shakespeare: Timone d'Atene

Immagine
Buon pomeriggio cari lettori, la vostra bella Isabel è tornata dopo un lungo periodo di pausa ed è tornata per voi con una nuova recensione.
Infatti ho deciso di apportare solo una piccola modifica: mi occuperò sempre di recensioni ma sarà aggiunta una rubrica su Shakespeare. Oltre alla recensione di un testo di Shakespeare aggiungerò qualche notizia in più relativa alla sua opera messa in scena.
In questa nuovo e affascinante viaggio alla scoperta delle opere del grande autore inglese vi parlerò di: Timone d'Atene.
Si dice fosse l'ultima prova di Shakespeare nel genere tragico, almeno per quanto riguarda le opere che si rifanno alla storia greca e romana, altre opere furono: Tito Andronico, Giulio Cesare, Troilo e Cressida, Antonio e Cleopatra e Coriolano. Timone d'Atene, non è altro che un ricco cittadino ateniese, molto generoso coi suoi amici ma non coi suoi creditori che sperpera il suo denaro a tal punto da finire sul lastrico e da farlo diventare misantropo nei confront…

Il mio meme per blog fantasiosi

Immagine
Buongiorno mie cari lettori,
è da molto che manco, verissimo, ma l'università mi tiene molto impegnata e giustamente sto anche facendo dei piccoli "grandi" passi verso la fine.
Ma quale occasione migliore per scrivere un post ringraziando soprattutto la mia carissima amica, nonché ideatrice del blog Di neve e di luna per avermi taggata in questo riconoscimento. Vi invito a seguire il suo blog, scrive recensioni molto interessanti con un'analisi molto accurata, possono sembrare lunghe ma ne vale la pena leggerle, non si ferma alla recensione del libro ma riporta al suo interno riflessioni e notizie.
Questo riconoscimento e meme parte dal blog di Cristiana, che ha voluto dedicare uno spazio ai suoi amici proprietari di un blog e scrivendo una dedica:
Lo dedico a tutti gli amici , indistintamente e vorrei che tutti l'accettassero e mostrassero a chi lo dedicano, perché è questo il modo per conoscere altri blog.
Invio questo riconoscimento a: 
Ombre angeliche Il castel…