Recensioni

Bentornati mie cari lettori :D e buona festa dell'Immacolata.
Ebbene sì, visto che non scrivo da un po' vi allieto con una buona notizia: vi presento non una ma ben due recensioni.
Partiamo subito con la prima...
Visto il mio interesse per i cristalli, in questi giorni ho continuato le mie ricerche e il mio studio su un libro da cui mi aspettavo molto di più, ma ahimè lo consiglio solo come una semplice lettura.

I poteri di pietre e cristalli e il loro uso in magia.
Autore: Lynn Keith.
Editore: Eco.
Codice ISBN: 88 8113 228 1

Trama: la tradizione antica è ricca di consigli e ricette legati ai magici poteri delle pietre preziose e dei cristalli considerati da sempre scrigni di forze universali. E' su questa convinzione che, sin dai tempi più remoti, astrologi, maghi, sacerdoti e sapienti hanno costruito, via via trovandovi riscontro nella pratica, la meravigliosa architettura delle corrispondenze armoniche tra le pietre preziose e ogni possibile aspetto delle realtà. Un mondo incantato ricco di magie e di suggestioni alle quali l'uomo non ha mai saputo sottrarsi e la cui conoscenza rappresenta uno strumento di potere in più nelle mani di coloro che agiscono, con cognizione di causa, nel campo della Magia Operativa.

Recensione: Il libro è suddiviso in 9 capitoli: il primo ci riporta indietro nel tempo facendoci comprendere l'importanza e l'uso dei cristalli nell'antichità (c'è da premettere che in quasi tutti i capitoli vi sono dei riferimenti storici). Dal secondo al quarto abbiamo una classificazione dei cristalli, l'autrice ha voluto dividerli in: gemme preziose, pietre traslucide e opache e cristalli di origine organica.
Per ogni cristallo vi è prima una piccola descrizione del loro composto fisico-chimico, il colore e la provenienza. Dei brevi cenni sul loro utilizzo per la salute, raramente per la pratica magica e molti cenni storici, sopratutto autori che hanno parlato di tale cristallo.
Dal quinto capitolo in poi l'autrice tratta le varie corrispondenze, sopratutto con lo zodiaco, la loro energia, come purificarli e caricarli, vari esperimenti e addirittura come poter creare un cristallo e farlo crescere. Mi aspettavo qualcosa in più, dei primi capitoli, per ogni cristallo non ha dato tanta importanza al loro utilizzo, quando poi il titolo del libro fa pensare di poter trovare molte notizie di riferimento, ma non mi è dispiaciuto che abbia immesso all'interno molte notizie storiche.
Per quanto riguarda gli ultimi capitoli è molto confusionaria, usa molto la parola "intuito", va bene che nella scelta del cristallo e per altre azioni è bello e anche utile basarsi sulle proprie sensazioni e il proprio intuito, ma vi sono alcuni particolari a cui dare e fare attenzione: per es. la purificazione, non tutti i cristalli possono essere messi sotto acqua corrente, come per alcuni non vi deve essere diretto contatto con la luce del sole, mi aspettavo almeno un elenco, un po' di precisione su alcune cose importanti da sapere.
Mi è piaciuto molto l'ultimo capitolo, molto interessante, una persona può sperimentare creando solo con alcuni ingredienti un cristallo, non sarà un vero e proprio cristallo e bisognerà fare anche molta attenzione alla sua fragilità. 
Come ho detto all'inizio è un libro che può essere usato come semplice lettura ecco perché gli do un 3/5.

Altra recensione, questa volta mi sposto su un classico, un romanzo che mi ha veramente appassionato.
Jane Eyre
Autore: Charlotte Bronte.
Editore: La Scuola.
Data di pubblicazione: 1962.

Recensione: Charlotte Bronte si avvicina molto al genere della Austen. Però nel suo romanzo ho potuto ammirare la scorrevolezza del testo, la semplicità anche per il semplice fatto che è suddiviso in tanti capitoli ma di poche pagine ciascuno. Anche negli attimi di stasi l'autrice non rende il romanzo banale o noioso.
Sono riuscita ad apprezzare la protagonista, una vera donna, che nonostante tutto riesce ad andare avanti e sa amare con gli occhi del cuore, ama veramente.
Al punto clou, quando Lord Rochester gli chiede la mano, ho sospirato, è stato uno dei momenti più emozionanti, ma il capitolo finale è quello che mi ha fatto veramente battere il cuore.
Jane ama, anche se la persona che ha a fianco può essere orribile agli occhi degli altri, lei l'ha sempre amato. Dopo tutte le peripezie e sofferenze che ha passato Dio ha saputo ricompensarla e risollevarla (c'è la costante presenza di Dio in quasi tutto il romanzo, a partire dalla sua presenza da piccola nel collegio Lowood).
Non ho scritto la trama perché vi avrei rovinato la sorpresa ma lo consiglio vivamente, anche perché a me ha saputo dare profondi insegnamenti.
Voto: 5/5.

Spero che anche questa volta possiate apprezzare le mie recensioni, anche se l'ultima è stata dettata più dal cuore che da altro.
Beh vi auguro buona giornata e buona lettura!





Commenti

Post popolari in questo blog

Romanzi e Immaginari digitali

"Il Redento" di Tommaso Adiletta

"La psichiatra" Wulf Dorn