Recensione: Siddharta

Bentornati cari lettori, per fortuna lo studio non mi togliendo il tempo per la lettura e ne sono molto felice.
Ultimamente ho finito (FINALMENTE) di leggere "Cent'anni di solitudine" di Marquez. Dal "finalmente" messo tra parentesi e scritto in maiuscolo avete potuto ben capire che non mi è per niente piaciuto, tranne che per il finale in cui ha aggiunto elementi che me l'hanno potuto far piacere e perché dà anche una spiegazione al titolo. Questo mi ha fatto capire che non comprerò altri libri dell'autore (che poi questo mi è stato regalato, ecco perché l'ho voluto leggere fino all'ultimo xD), ma mai più.
Ma non è di questo libro che voglio parlarvi adesso, poiché non ho voluto nemmeno recensirlo, bensì vi parlerò di "Siddharta" e, beh inutile scrivere altro, troverete tutto nella recensione.

(Premessa: le immagini che vi posto dei libri che recensisco sono fedeli alle edizioni che posseggo e di cui vi parlo.)
Autore: Herman Hesse.
Editore: Adelphi.
Data di pubblicazione: Febbraio 2009.
Codice ISBN: 978-88-459-0184-3

Trama: Chi è Siddharta? E' uno che cerca, e cerca sopratutto di vivere intera la propria vita. Passa di esperienza in esperienza, dal misticismo alla sensualità, dalla meditazione filosofica alla vita degli affari, e non si ferma presso nessun maestro, non considera definitiva nessuna acquisizione, perché ciò che va cercato è il tutto, il misterioso tutto che si veste di mille volti cangianti. E alla fine quel tutto, la ruota delle apparenze, rifluirà dietro il perfetto sorriso di Siddharta, che ripete il << costante, tranquillo, fine, impenetrabile, forse benigno, forse schernevole, saggio, multirugoso sorriso di Gotama, il Buddha, quale egli stesso l'aveva visto centinaia di volte con venerazione. >>

Recensione: Comprai questo libro tanti anni fa e iniziai a leggerlo ma non mi incuriosì più di tanto, così mi fermai all'introduzione. Non era il periodo adatto, il momento giusto, non ero ancora predisposta ad affrontare questa lettura.
L'ho ripreso, a dir la verità iniziato da capo, quest'anno dopo molti anni. L'ho ripreso in questo momento particolare della mia vita, di cambiamento e quindi ho potuto cogliere i vari insegnamenti e la vicenda stessa.
Siddharta è un uomo stanco della monotonia e perfezione della sua vita, assetato e alla ricerca del raggiungimento dell'armonia, del nirvana. Vive la vita appieno, da come si può dedurre solo leggendo la trama, passa da un'esperienza all'altra, da uno stato di profonda meditazione e "tortura" attraverso digiuni, ecc.. ad una vita piena di lussurie e dedita al mondo. Anche se scappa via da tutto questo poiché non si riconosce più, non riesce a ritornare nemmeno allo stile di vita e di pensiero del samana, Arriva presso il fiume che ha attraversato per arrivare al villaggio, dove ha incontrato la sua amata e da cui ha preso vita la sua scelleratezza e lussuria. Quello stesso fiume lo aiuterà a ritrovare se stesso e a raggiungere la perfetta armonia, ad armonizzarsi con il tutto che lo circonda e diventare parte di esso. Come il Buddha incontrato precedentemente e per cui lo stesso amico che era al suo seguito ha deciso poi di lasciarlo per seguire la sua dottrina. Lo stesso amico che incontrerà due volte: quando non sa più chi è e perché sia ancora vivo e quando finalmente diventa un tutt'uno con l'Universo. 
E' un libro che porta molto a riflettere e capire che potresti trovare la tua strada anche nelle cose in cui meno te l'aspetti.

Spero vi sia piaciuta questa recensione e anche per quest'anno posso dire che le mie letture sono state oltre che di grande qualità anche di grande quantità: festeggio il mio quarantasettesimo libro dell'anno, chissà se riuscirò a raggiungere 50 xD, ma non credo e poco importa, è molto importante che il libro lasci qualcosa e che si impari da esso. 
Vi lascio alle vostre letture e tra poco anche ai festeggiamenti visto che mancano pochi giorni a Natale.
Buon sabato e buone letture!

Commenti

Post popolari in questo blog

"Il Redento" di Tommaso Adiletta

Romanzi e Immaginari digitali

"La psichiatra" Wulf Dorn