Recensioni!!!

Buonasera e buona domenica a tutti, bentornati nel mio spazio letterario.
Questa volta sono lieta di annunciarvi di aver per voi non una bensì due recensioni. Bene, parto subito col parlare del primo libro.

Ragione e Sentimento.
Autore: Jane Austen.
Editore: Newton Compton.
Data pubblicazione: Gennaio 2010 (1° edizione).
Codice ISBN: 978 88 541 1690 0

Trama: "Ragione e Sentimento" è imperniato sulle vicende sentimentali di due sorelle profondamente diverse tra loro: Elinor, la maggiore, segue i dettami della ragione; Marianne si abbandona agli impulsi del cuore. Il destino delle due protagoniste si gioca tutto in vista di ciò che era considerato l'evento principale della vita femminile: il matrimonio.

Recensione: E' sempre difficile dover recensire un romanzo considerato "classico".
Essendo la Austen scrittrice che o si ama o si odia, io ho avuto sempre, nei confronti dei suoi romanzi, un'alternarsi tra questi due sentimenti.
Ma qui si parla anche di periodo, stagione, tempo. Per me era arrivato il tempo di buttarmi nella lettura di questo classico e ne sono rimasta oltre che stupita anche affascinata dalla storia. Sono riuscita anche a legarmi ai tanti personaggi descritti.
All'inizio mi sentivo molto Marianne: col suo carattere passionale, piena di voglia di fare, schietta e sincera; ma, andando avanti nella storia, ho percepito come più giusto e vicino al mio essere il comportamento di Elinor: pacato, ragionevole, senza sopraffarsi di tali sentimenti che potevano portare all'apatia e sofferenza come è successo con Marianne.
Ho viaggiato con la fantasia per i vari luoghi d'Inghilterra grazie alle minuziose e particolareggiate descrizioni di quelli che sono stati i posti visitati da entrambe le protagoniste.
L'unica pecca: il finale. Direi scritto in fretta e molto arronzato, alcune vicende vengono totalmente stravolte al punto da farti sorgere tanti dubbi.
Mi chiedo se la Austen, dopo aver raccontato con la dovuta calma le varie storie che si intrecciano e susseguono tra loro, non si sia scocciata ed abbia raccattato un finale giusto per accontentare i lettori, alla "vissero felici e contenti".
Come voto le posso dare un 4 su 5, perché alla fine la storia mi ha travolta del tutto, ma mi aspettavo di più dal finale e per questo non gli posso dare una piena votazione.

Il vampiro.


Autore: John William Polidori.
Editore: Tascabili Economici Newton.
Data di pubblicazione: Novembre 1993 (2° edizione).
Codice ISBN: 88 7983 011 2

Trama: "The Vampyre" di John William Polidori, apparso nel 1819 su New Monthly Magazine, primizia della letteratura macabra inglese, si presenta come l'archetipo di ogni futuro vampiro, come un perfetto repertorio degli elementi tipici del racconto dell'orrore. Tuttavia l'originalità maggiore di questa creatura letteraria sta nella movimentata storia della sua pubblicazione, fatta di smentite e di attribuzioni contestate. In questo volume il lettore potrà trovare, oltre a "The Vampyre" e alle illustrazioni che lo commentano, il "Frammento" di Byron da cui Polidori elaborò il suo racconto, e diversi altri scritti fra cui lettere e pagine di diario che fanno luce sui momenti salienti della vicenda editoriale.

Recensione: Nulla da togliere a Polidori ma gli avrei dato un buon giudizio, si parla tanto di questo suo racconto che ha poi dato ispirazione al romando di Stoker e altri, ma mi sono dovuta ricredere. E' stata, purtroppo, una lettura noiosa e non coinvolgente.
I protagonisti: Lord Ruthven (il vampiro) e Aubrey (la vittima) sono descritte con le loro particolarità, ma non così bene da far suscitare un certo interesse per loro (forse un po' si salva Aubrey).
Ho notato, almeno per quanto mi riguarda, un po' di confusione e un'ampia velocità nel ripercorrere la storia.
Mi aspettavo di più da questo racconto eppure ne sono rimasta delusa.
Gli do, con un certo rammarico, 2 su 5. 

Ed eccoci alla fine cari lettori, purtroppo i miei impegni universitari (sì, è iniziata anche per me l'università ed ho molti corsi da seguire quanto sono gli esami da dare xD) ed altri impegni non mi daranno la possibilità di aggiornare il blog settimanalmente.
Farò del mio meglio però per non abbandonarlo, promesso!
 Vi auguro una buona domenica e buone letture. :*
Alla prossima!

Commenti

Post popolari in questo blog

"Il Redento" di Tommaso Adiletta

Romanzi e Immaginari digitali

"La psichiatra" Wulf Dorn